Beeelen, la pecora star del web, adottata da Bruno Bozzetto (e famiglia)

Beeelen è una pecora. Famosa quasi quanto la showgirl, forse perché parte della famiglia di Bruno Bozzetto, celebre ed ottimo animatore, disegnatore e regista italiano. “Un giorno alcuni pastori, dopo aver fatto pascolare il gregge vicino casa mia, se ne andarono dimenticando questa pecorella. Che aveva ancora il cordone ombelicale”.beeelen in collo a bozzetto

A salvare Beeelen e ad adottarla ci pensarono immediatamente Andrea Bozzetto (il figlio di Bruno) e sua moglie, che abitano proprio vicino la casa del maestro dell’animazione italiana (e padre anche del Signor Rossi). Beeelen. Una pecora in casa. Allevata proprio come un cane, o meglio, come una pecora. Ma domestica.

Sarà un particolare che non scompone minimamente i pastori, profondi conoscitori dei propri greggi e delle pecore in genere, ma vedere sui Social Network spopolare una pecora è quantomeno insolito. Sul profilo  Facebook di Bruno Bozzetto ogni tanto fa le sue incursioni Beeelen (che rompe un vetro, che salta, che bela, che si adagia comodamente in collo al suo padrone mentre scrive al computer).

È più intelligente dell’uomo- dice sul Corriere della Sera di Bergamo, riferendosi a Beeelen come soggetto di un fumetto- capisce molto bene. Sto creando un personaggio cucito su misura sulla sua personalità”. Non poteva certo rimanere con le mani in mano, il maestro, avendo davanti a sé una adorabile caricatura, un personaggio che sembra uscito dai suoi fumetti, dalle sue matite: “Sto pensando a disegnarla perché fa cose molto divertenti. Ad esempio tutte le mattine arriva con la testa sporca di verde. Le piace rovesciare la carriola di Andrea e così le resta del verde sul pelo. Secondo noi si sente un po’ sola. Avrebbe forse bisogno di un’altra pecora. Il timore è che dopo ce ne ritroviamo due in soggiorno”.

Non solo “gattini”, quindi, sulle bacheche del web. Anche una pecora.

beeelen fumetto bruno bozzetto

Foto (e striscia) di proprietà di Bruno Bozzetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *